Dagli Argonauti...ai CoroNauti

l' origine del nome

Ogni volta che troviamo una parola che finisce per “nauti” pensiamo agli astronauti ma in realtà la parola è molto antica, e viene dalla parola greca nautès – che significa navigante. L’astronauta è colui che naviga con l’astronave. La parola CoroNauta è più affine ad argonauta – colui che naviga con la nave Argo che non ad astronauta.

Vi spieghiamo perché…

Circa 3000 anni fa per una complicata storia di intrighi, vendette e punizioni divine, Giasone ebbe il compito di recuperare il ‘vello d’oro’ ciò la pelle di un caprone magico che era appunto d’oro. Senza questa pelle la sua terra sarebbe restata sempre povera. Giasone radunò cinquanta uomini da tutta la Grecia e partì per questo viaggio tra mille pericoli, trappole e scontri con varie popolazioni finché giunse nella Colchide, la terra selvaggia in cui era custodito il vello d’oro e lo riportò in patria non senza aver perduto numerosi compagni lungo il percorso per scontri armati, pestilenze e quant’altro.

 Nel mondo antico, e fino a quando non furono scoperti i vaccini e le origini delle malattie infettive, periodicamente le città erano preda di epidemie che arrivavano a distruggere perfino la metà della popolazione. Non avendo delle spiegazioni e non conoscendo rimedi pensavano che le epidemie fossero una punizione che gli dei avevano dato al popolo per qualche torto fatto agli dei stessi. Spesso erano proprio i capi delle città che avevano offeso gli dei per orgoglio o per sete di potere ed allora era necessario un sacrificio per calmare l’ira degli dei e spesso si trattava proprio di un sacrificio umano.

Anche la storia di Giasone ruota intorno ad un sacrificio umano sventato all’ultimo momento. Allo stesso modo all’inizio di un altro poema antico, l’Iliade, c’è una pestilenza che ferma la partenza delle navi e solo il sacrificio della figlia del re Agamennone potrebbe calmare gli dei (ma poi come spesso accade la figlia viene salvata all’ultimo momento dagli dei stessi).

Dunque quello che ci accomuna alla storia di Giasone è che la sua avventura comincia per ridare alla sua terra pace e prosperità ed anche il fatto di dover attraversare mille pericoli.

I nostri pericoli sono soprattutto mentali: possiamo scoraggiarci, perdere speranze nel futuro, non avere fiducia dei compagni, spaventarci di fronte ai pericoli, sentirci soli ed isolati. Anche gli antichi avevano lo stesso problema ed in queste spedizioni difficili erano accompagnati da indovini e poeti.

Orfeo il più celebrato dei poeti e dei cantori antichi faceva parte della spedizione ed usò il suo canto meraviglioso per superare diversi pericoli. La storia di questi ed altri viaggi sono state raccontate mille volte lungo tre millenni perché in ogni tempo aiutano a farsi coraggio, a trovare un senso ad avvenimenti che diversamente sembrano assurdi. Così noi Maestri di Strada cerchiamo di aiutare noi stessi e le giovani persone ad attraversare la vita difficile che si svolge nelle periferie della città, e lungo questa strada incontriamo ostacoli, difficoltà, pericoli.

Oggi sembra che il pericolo venga dal corona virus e siamo tutti sequestrati in casa, altro che navi ed astronavi – ma dobbiamo egualmente essere attivi e cercare un possibile filo a tutto quello che succede. Ecco perché abbiam creato questo sito e perché abbiamo scelto questo nome: dobbiamo navigare in un mare difficile dominato da un tifone che si chiama corona. E vogliamo uscirne non solo sani ma molto più forti di prima. 

Torna al diario

Sostieni Maestri di Strada

Compila i campi richiesti e fai la tua donazione. Poco o tanto non importa, il tuo supporto renderà possibile il sereno svolgimento delle nostre attività formative per ragazzi a rischio dispersione.

Riservato alle donazioni aziendali

Modalità di pagamento

Dona tramite PayPal senza commissioni. Al termine della procedura sarai indirizzato alla pagina di pagamento PayPal.

Puoi effettuare il bonifico entro 3 giorni dall’intenzione di donazione espressa in questa pagina.
I dati per effettuare il bonifico sono: Intestatario: Ass. Maestri di Strada Banca: Banca Prossima
IBAN: IT64 V033 5901 6001 0000 0075 313
BIC: BCITITMX (Donazioni dall'Estero)

Il tuo messaggio