Ritorna la Fiera dell' est

Nuovi programmi ed itinerari

Ospiti di questo primo tour del 2019 gli studenti del Liceo Ettore Majorana di Bologna, che abbiamo condotto per le strade dei nostri quartieri il 20 Febbraio. Come sempre il nostro Tour parte da San giovanni, con racconti storici e popolari sulla fondazione del quartiere, passano per i murales di Jorit Agoch, che hanno dato nuova vita  e luce ad edifici un po' "spenti" e continuano sul litorale per incontarre i pescatori ed ascoltare i loro racconti. Ma in questo tour ci sono state due occasioni speciali: ricorreva il compleanno del grande Massimo Troisi e per questo li abbiamo condotti al parco di San Giovanni a Teduccio, a lui intitolato, dove hanno potuto "giocare" con alcuni esperimenti ed assistere presso il centro Asterix) alle rappresentazioni messe in scena dai nostri giovani attori dell' Associazione MDS e di Trerrote.

Inoltre, per la prima volta alla fiera dell’ est abbiamo fatto ricerca scientifica, attraverso piccoli esperimenti sorprendenti e ludici, insieme a Giancarlo Artiano, esperto di fisica: abbiamo giocato con palloni di tutte le dimensioni per scoprire le leggi della fisica e costruito in pochi minuti un piccolo robot che disegna!
Inauguriamo dunque la nuova stagione di Fiere per rivalutare la periferia e promuovere le metodologie educative e artistiche che sperimentiamo ogni giorno nella periferia est di Napoli e non solo.
La nostra Fiera dell'Est è sempre un successo grazie all' Associazione Trerrote, ViaggieMiraggi, Progetto Uomo Experience, il Centro Giovanile Asterix, in collaborazione con l' Assessorato ai Giovani, Creatività, Innovazione - Comune di Napoli

La Fiera dell'Est fa parte del Progetto The B_Est Side finanziato da Funder35 e Fondazione CON IL SUD .

 

Vi riportiamo anche l' articolo di Angelo Baldini, giornalista di Eroica Felice, che ha trascorso una giornata  con noi e ha raccontato della Fiera dell'Est, la nostra passeggiata tra food, storie e murales a San Giovanni a Teduccio

"La Fiera dell’Est, considerazioni

Quello che colpisce è la grande lungimiranza di questa enorme rete di cittadinanza attiva costituita da Maestri di Strada, Trerrote e Mamme Sociali. Sono consci, ma forse anche un pizzico troppo severi con se stessi, di essere soltanto all’inizio di un percorso di cittadinanza e resistenza civile dai tratti utopici. C’è ancora tanto da fare ma non si tirano indietro, progettano il tutto con grande determinazione, competenza e cognizione di causa. C’è spazio per l’intraprendenza, per le idee, ma non per l’improvvisazione, non portano avanti i loro progetti a casaccio, tanto per, animati da un superficiale senso borghese cristiano della carità.

Lo fanno, prima di tutto, cercando di stimolare la passione negli educatori, (che sono molto spesso psicologi, insegnanti, pedagogisti, non persone a caso), che devono farlo in primis per loro perché lavorare in progetti di inclusione per ragazzi in zone difficili è un lavoro che comporta molti fallimenti e molte frustrazioni. Bisogna lottare non solo contro situazioni familiari e sociali spesso irrecuperabili ma anche contro l’elefantiaca macchina burocratica dei servizi scolastici e sociali, troppo lenta e incapace di sanare davvero i problemi, e la stessa esasperazione e incapacità di molti insegnanti a rapportarsi a queste situazioni così difficili. Lavorano inoltre cercando accordi e convenzioni con le scuole e le università (con loro lavorano e hanno lavorato tanti studenti tirocinanti di facoltà come Scienze dell’Educazione, nda).

Già da adesso stanno progettando il futuro formando alcuni dei ragazzi più grandi del quartiere come peer educator, educatori alla pari a metà strada tra un insegnante e un fratello, che possano avere le competenze del primo ma l’informalità e l’affetto del secondo.

Un impegno giornaliero faticoso che portano avanti con tenacia a più livelli, da quelli più formali (accordi con università, seminari etc etc) a quelli più pratici e concreti, che possono consistere nel progetto teatrale ma anche soltanto nell’ascolto di una lamentela di un ragazzo."

 

Ecco le prossime date del tour "Fiera dell' est"

Mercoledì 27 Febbraio

Martedì 5 marzo

Martedì 12 marzo

Sabato 16 Marzo

Giovedì 21 Marzo

Giovedì 28 Marzo

Venerdì 26 Aprile

 

Per info e prenotazioni scrivete a trerroteteatro@gmail.com

 

 

Torna al diario

Sostieni Maestri di Strada

Compila i campi richiesti e fai la tua donazione. Poco o tanto non importa, il tuo supporto renderà possibile il sereno svolgimento delle nostre attività formative per ragazzi a rischio dispersione.

Riservato alle donazioni aziendali

Modalità di pagamento

Dona tramite PayPal senza commissioni. Al termine della procedura sarai indirizzato alla pagina di pagamento PayPal.

Puoi effettuare il bonifico entro 3 giorni dall’intenzione di donazione espressa in questa pagina.
I dati per effettuare il bonifico sono: Intestatario: Ass. Maestri di Strada Banca: Banca Prossima
IBAN: IT64 V033 5901 6001 0000 0075 313
BIC: BCITITMX (Donazioni dall'Estero)

Il tuo messaggio